Cosa vedere a Ruvo di Puglia – Ruvo Medievale

6 Nov 2015

ruvo-torrione2

Uno dei 2 torrioni ancora presenti a Ruvo di Puglia

Nel V secolo scomparve la fiorente Ruvo sotto i colpi delle invasioni dei Goti che ridussero per la prima volta la città a un cumulo di macerie. Ruvo, rifondata sulle pendici della collina originaria, fu prima conquistata dai Longobardi e poi fu preda dei Saraceni. Fu in questo periodo che i ruvestini decisero di dotarsi di una cinta muraria munita di torri e quattro porte: Porta Noè (attuale via Veneto), Porta del Buccettolo (via Campanella), Porta del Castello (piazza Matteotti) e Porta Nuova (corso Piave).

Nell’XI secolo la fortezza di Ruvo entrò nella contea di Conversano e subì altre violenze a causa delle lotte intestine per la gestione del potere, i quali conflitti portarono alla seconda distruzione del centro abitato. Tuttavia fu sotto Federico II di Svevia che Ruvo finalmente riconobbe una crescita culturale ed economica, un periodo segnato dalla costruzione della cattedrale romanico-gotica e nel territorio tra Ruvo e Canosa del Castel del Monte. A questo momento storico però risalgono anche le fondazioni delle città di Corato e Andria, i cui territori andarono a diminuire ulteriormente l’agro ruvestino.

Dal 1266 Ruvo divenne feudo ed entrò, assieme alla Puglia intera, tra i domini degli Angioini. Nonostante questo il feudo ruvestino vide sfumare ancora una volta il periodo di pace e prosperità che stava attraversando poiché nel 1350 la città fu rasa al suolo e saccheggiata da Ruggiero Sanseverino. I ruvestini furono così costretti a ricostruire il centro abitato, le mura e decisero anche la costruzione della torre del Pilota, alta 33 metri.

Al dominio angioino si succedette quello aragonese. Gli scontri per il dominio sul Regno di Napoli tra Francia e Spagna sfociarono nella battaglia di Ruvo, che vide vincitori gli spagnoli guidati da Consalvo di Cordova contro le truppe francesi di Jacques de La Palice stanziate a Ruvo. Durante questa battaglia la città fu rasa al suolo per la terza volta. Lo stesso feudo vide inoltre partire dalle proprie mura i tredici francesi che si scontrarono contro altrettanti italiani nella disfida di Barletta.

fonte Wikipedia


Cosa vedere nel Parco dell'Alta Murgia

castel-del-monte

Castel del Monte

foresta mercadante

Foresta Mercadate

cave bauxite spinazzola

Cave di Bauxite

orme dinosauri altamura

Orme Dinosauri

castello garagnone spinazzola

Castello Garagnone

minervino murge

Presepe d'Italia

ipogeo ruvo di puglia

Ruvo di Puglia

gravina sotterranea

Gravina Sotterranea

Le date degli eventi in programma

20
Ottobre

Poggiorsini

26-27
Ottobre

Minervino Murge

02-03
Novembre

Spinazzola

09-10
Novembre

Ruvo di Puglia

16-17
Novembre

Gravina in Puglia

I nostri sponsor

Ricette di cucina

Pro Loco Minervino Murge Pro Loco Spinazzola Pro Ruvo di Puglia Pro Loco Gravina in Puglia Pro Loco Poggiorsini Pro Loco Cassano delle Murge